#NOICISIAMO. #ILMARGINERACCONTA

Esserci, senza poterci essere davvero

Esserci, senza poterci essere davvero
Luca, referente di una comunità per disabili

Per me, abituato a essere sul campo, a lavorare a contatto con le persone, e al momento in quarantena forzata, una grande difficoltà è quella di “esserci”, senza poterci essere davvero. Ovvero: lavorare a distanza per continuare a sostenere un’equipe che lavora sui turni, che è stanca, spaventata e che deve fare i conti con la propria vulnerabilità e le inevitabili tensioni. Si sta cercando di fare di tutto per cercare di evitare un crollo psicologico di fronte alla paura, ma quel “tutto” sembra non bastare mai.

Un’altra grossa difficoltà è quella legata agli ospiti: non è facile far capire alla nostra utenza, e quindi a persone con disabilità, il perché da un giorno all’altro non si esce più, o non si possono più fare quelle attività che per loro sono sempre state fondamentali.
Spesso, anche le spiegazioni fatte nel migliore dei modi non riescono a convincerli appieno.

II LAVORO D’ÉQUIPE. E poi c’è il lavoro quotidiano che riguarda l’équipe: riuscire a equilibrare le assegnazioni dei turni in una situazione di emergenza come questa, che dura da un mese e che si prospetta ancora molto lunga, è fondamentale, ma è una vera impresa: occorre dosare bene le forze dei colleghi, anche se diventa difficile quando il numero delle mutue richieste è in crescita e il numero degli operatori su cui possiamo contare si sta riducendo.

Mai come in questo momento, secondo me, sta emergendo in modo molto chiaro chi fa questo lavoro sostenuto da una forte componente di empatia, vicinanza e spirito di accoglienza e tutela verso il prossimo e chi invece lo considera un lavoro come un altro.

Se vengono meno i nostri valori di riferimento, se non ci ricordiamo più quali sono le nostre radici, diventa davvero difficile affrontare e gestire nel migliore dei modi possibili questa emergenza.
Ma noi ce la stiamo mettendo davvero tutta.

Continuate a seguirci, anche sul nostro sito.
#andràtuttobene #continuiamoaesserecooperativa