M. margine magazine
Fare comunicazione per fare cooperativa

 

È appena uscito il numero Zero di M. margine magazine, il nuovo strumento di comunicazione della cooperativa sociale Il Margine.

M. margine magazine ha il suo focus sulle buone pratiche attivate dalla cooperativa nell’ambito del lavoro di cura, raccontate attraverso uno storytelling che intende suggerire riflessioni e approfondimenti a partire da esperienze dirette all’interno e all’esterno dei servizi.

Nelle intenzioni, dare spazio al punto di vista dei diversi attori coinvolti nel lavoro cooperativo: soci, operatori, utenti, familiari, interlocutori istituzionali, cooperatori, reti esterne, territori…

Con un duplice obiettivo:

          • aggregare all’interno di uno spazio condiviso le informazioni periodiche fornite dai settori interni della cooperativa, attivando un dialogo costante tra le diverse aree di intervento: salute mentale, disabilità, minori, famiglia e genitorialità, anziani, esperienze di lavoro di rete sui territori. 
          • valorizzare le esperienze più qualificanti e innovative che caratterizzano il lavoro della cooperativa e della cooperazione sociale.

In questo numero Zero abbiamo cercato di leggere a ritroso il 2020, un anno per definizione “straordinario”, che si è rivelato anche a doppia velocità, a doppio binario di lavoro.

Ed è proprio il tema del “doppio” che ha guidato le riflessioni raccolte nelle pagine del magazine, parole chiave usate per raccontare il lavoro cooperativo: insieme/da soli; vicini/lontani; sano/malato; lento/veloce; inclusione/distanza; vincolo/opportunità; occupato/disoccupato; silenzio/rumore; vecchio/nuovo/; partecipazione/estraneità; straordinario/ordinario; dentro/fuori.

Al centro c’è sempre il vissuto personale che ha accompagnato scelte e decisioni a volte difficili, la riflessione sul lavoro, le reti attivate, i legami che fanno la differenza.

Stay tuned per il primo numero del 2021!

Sfoglia il numero di dicembre completo

RESTA IN CONTATTO CON NOI

CONTATTACI